Manual Salto di scala: Grandezze, misure, biografie delle immagini (Italian Edition)

Free download. Book file PDF easily for everyone and every device. You can download and read online Salto di scala: Grandezze, misure, biografie delle immagini (Italian Edition) file PDF Book only if you are registered here. And also you can download or read online all Book PDF file that related with Salto di scala: Grandezze, misure, biografie delle immagini (Italian Edition) book. Happy reading Salto di scala: Grandezze, misure, biografie delle immagini (Italian Edition) Bookeveryone. Download file Free Book PDF Salto di scala: Grandezze, misure, biografie delle immagini (Italian Edition) at Complete PDF Library. This Book have some digital formats such us :paperbook, ebook, kindle, epub, fb2 and another formats. Here is The CompletePDF Book Library. It's free to register here to get Book file PDF Salto di scala: Grandezze, misure, biografie delle immagini (Italian Edition) Pocket Guide.

La nozione di Richard Schechner di restored behaviour concettualizza la performance come una ripetizione adattata delle performance precedenti. I tableaux vivants utilizzati per le entrate regali nei Paesi Bassi durante il Rinascimento ne sono un esempio calzante. I tableaux permisero ai cittadini di personificare gli ideali civili, per poi tornare cittadini qualsiasi subito dopo aver lasciato la scena.

Gli attori cittadini e, certamente, gli organizzatori che li misero sul palco, sono stati influenzati anche dalla lunga tradizione della messa in scena dei tableaux. Gli attori e gli artefici di ogni entrata richiamavano alla loro mente il ricordo delle rappresentazioni precedenti e, riferendosi Il contesto specifico di ogni entrata permetteva una continua reinterpretazione e rimpiego degli elementi del tableaux che erano particolarmente significativi. Nuove domande potevano quindi essere poste al nuovo sovrano o governatore.

Il presente saggio ha inteso chiarire il modo in cui la ri-presentazione di Antverpia — prima, durante e dopo la Rivolta — possa essere vista come una forma di restored behaviour. Si veda Lee Goldberg R. Ratcliff, Rizzoli, New York, Beuys J. Il Rinascimento non doveva confrontarsi con i disastri ecologici del ventesimo secolo ma, come vedremo, condivise una visione del mondo molto simile a quella espressa da Beuys.

La visione del mondo pre-cartesiana affermava infatti la corrispondenza tra uomo e universo. In questo lavoro si trova una citazione dallo Hexameron III. Un punto fondamentale ad esempio 4. Damasio A. Indubbiamente possiamo estenderci alla natura anche fino al punto di percepirla come un nostro stesso organo, similmente ai soggetti di Beuys. In questo contesto il linguaggio sensoriale di Beuys esprime una visione del mondo fortemente compatibile con quella rinascimentale, producendo alcune arti immersive particolarmente multisensoriali.

Si veda in particolare Clark A. Anderson M. Descola P.


  • Menu di navigazione;
  • The history of Prussia;
  • Figs: The Genus Ficus (Traditional Herbal Medicines for Modern Times);
  • Where Am I Part 1.

Usano e riadattano la tradizione iconografica trasmessa dalle arti visive per celebrare eventi come le nascite, i matrimoni, gli anniversari o le visite di stato. Notizie sui banchetti rinascimentali sono rintracciabili nelle immagini di soggetto religioso e profano come anche nelle stampe celebrative degli eventi reali. Questa letteratura offre 8. Latini A. Messisbugo C. Bandini e G. Battista Bonfadino, Venezia, ; Geigher M. Una stampa in ricordo del banchetto fatto a Bologna nel dal senatore Francesco Ratta offre, ad esempio, una buona sintesi delle principali caratteristiche della maggior parte dei banchetti di tale periodo Fig 2 Torce e candele generalmente illuminavano i banchetti Rossetti G.

Romoli D. Le brocche e queste piccole bacinelle servivano anche per versare acqua profumata sulle mani degli ospiti durante il succedersi delle portate In altre parole sono rappresentazioni su metallo di acqua e fuoco pensate per essere percepite nel movimento ottico dato dal flusso casuale delle acque profumate versate sulla loro superficie scintillante. Nel , per esempio, fu eretta una colonna riccamente decorata per celebrare un matrimonio della famiglia Colonna, mentre Disegni del Convito, cit.

Quiviger F. Sul tavolo stesso, specialmente durante la prima entrata, gli ospiti si vedono arrivare una serie di sculture sul tema del banchetto fatte di una mistura di zucchero e marzapane. Cervio V. Per una ampia antologia si veda Latini A. Lancelotti, op. Questi uccelli portavano sovente anche apparati con emblemi e tenevano bastoncini profumati nel becco Gli uccelli di varie specie scappavano da sotto i tovaglioli degli ospiti e giocavano intorno al tavolo per tutta la durata del banchetto Forse il canto degli uccelli era ritenuto piacevole e come la musica era una prerogativa dei banchetti rinascimentali.

Oltre al possibile cinguettio degli uccelli, i resoconti sui paesaggi sonori narrano anche della presenza di musicisti, a volte disposti ad ogni angolo della sala del banchetto, e ancora del frequente risuono delle coppe di cristallo rotte dopo ogni brindisi, e, naturalmente, della conversazione degli ospiti Si veda ad esempio Cervio V. Palliolo Farnese P.

Due figure in particolare erano importanti: lo Scalco e il Trinciante. Sebbene la parola Scalco spesso venga tradotta come majordome, la sua funzione differiva da quella di maggiordomo. In base alla grandezza del banchetto poteva essere addirittura assegnato un Trinciante per ogni tavolo. La divisione in tre parti corrisponde alla consueta sequenza del banchetto. Rosetti, Dello Scalco. Giusti e R. Spinelli, Sillabe, Livorno, , p. La loro arte era una delle performance dal vivo del banchetto rinascimentale, in cui tagliavano tutto il commestibile in maniera uniforme, con controllata grazia ed eleganza, grazie alla lunga esperienza e alla solida conoscenza anatomica degli animali, dei vegetali, della frutta e persino delle torte.

Geigher, Cervio and Frugoli illustrano i loro precetti attingendo da stampe didattiche. Tuttavia, i Trincianti imparavano il loro mestiere osservando gli altri e facendo pratica nel taglio su pagnotte di pane e cavolfiore Ivi, f. Warnke M. Si veda per esempio, Pino P. Inoltre, similmente agli artisti, antichi e moderni, gli Scalchi non lavoravano da soli ma coordinavano un gruppo numeroso di lavoratori e assistenti. Smith P. Gandy M. Cooke e K. Aristotele, De anima, III, 3, b. Le origini di questa pratica risalgono almeno al IX secolo, ma a partire dai primi anni del XV secolo, il suo insegnamento ai discepoli delle scuole delle cattedrali aumenta in maniera significativa, segnando una diffusa presenza della performance polifonica del canto piano nelle chiese europee durante tutto il Rinascimento2.

Traduzione dal francese di Francesca Bortoletti. Si veda Blackburn B. Anna Maria Busse Berger ha notato che il contrappunto veniva insegnato ai giovani studenti di Notre-Dame a Parigi nel , a Bruges nel , e in molte cattedrali italiane secondo quanto deciso da Eugenio IV nel Busse Berger A. Senza entrare in dettagli tecnici che spiegano questi due metodi, vorrei individuare i principi che mostrano come ciascun metodo, a suo modo, sollecita attivamente la memoria. Infine, vedremo come questi due metodi, apparentemente distanti nello spazio Inghilterra e Italia e nei loro prin3.

Le due tecniche sono presentate da Busse Berger A. Si veda inoltre il mio recente libro: Canguilhem Ph. Treitler L. Lorenzetti S. Figure e luoghi di memoria nel pensiero e nella pratica musicale tra Cinque e Seicento, in Memory and Invention. Busse Berger e M. Rossi, Olschki, Firenze, , pp. Fantuzzi G. VII, Stamperia di S. Come funzionano questi tre sensi interiori, e che tipo di rapporti reciproci hanno? In tal modo, essi attivano quei processi di creazione collaudati da tempo dagli oratori nelle loro improvvisazioni. In effetti, se essi hanno bisogno di una buona memoria per imparare il discorso che hanno preparato in anticipo — e questo spiega il motivo per cui la maggior parte del corpus teorico dedicato alle mnemoniche trova le sue origini negli scritti di retorica — devono anche utilizzare la fantasia quando si trovano in una situazione di improvvisazione.

I trattati del XV secolo che trasmettono questi metodi privilegiano due mezzi che facilitano la memorizzazione degli intervalli consonanti e la loro attuazione. Questo metodo si basa sulla conoscenza preventiva del solfeggio medievale che ha associato alle note musicali una delle sei sillabe ut re mi fa sol la. A differenza dei metodi di solfeggio correnti, queste sillabe voces musicales potevano corrispondere a note differenti claves in base al contesto melodico. Per consentire la memorizzazione di tutte le note della scala melodica con le loro sillabe corrispondenti, era stato sviluppato un dispositivo mnemonico a partire dal XII secolo.

VI, ii, X, vii, Per una sintesi su tali questioni si veda, Sachs K. Und Jahrhunderts, in Geschichte der Musiktheorie, a cura di F. Zaminer, vol. La mano musicale ha rappresentato per tutti i musicisti Fig. Questo sistema permetteva al contrappuntista apprendista di avere facile accesso alla conoscenza di intervalli consonanti memoriz Berger K. La condizione necessaria e sufficiente per dominare questa tecnica era dunque quella di conoscere perfettamente la mano. A questo proposito si veda Canguilhem Ph. Scattolin P. Inoltre alcune di queste tabelle si trovano anche nei trattati stampati da Guillaume Guerson a Parigi alla fine del XV secolo, e ancora in numerosi trattati Lo studioso indica esclusivamente le fonti italiane, come anche Sachs K.

Christensen, Cambridge, , p. La biblioteca comunale Classense di Ravenna conserva infatti un manoscritto ms. Il manoscritto risale alla fine del XIV secolo, ma le integrazioni polifoniche potrebbero essere posteriori. Il risultato molto dissonante che ne deriva rappresenta secondo lo studioso una continuazione della tradizione del canto in secondi e quarti della chiesa ambrosiana, documentata da Franchino Gaffurio soprattutto verso la fine del XV secolo Inizialmente il cantante doveva immaginare la sillaba corrispondente alla nota del canto piano che egli doveva contrappuntare.

Una volta identificato, poteva conoscere, in base al grado che aveva scelto, quali fossero le sillabe — e quindi le consonanze — a sua disposizione. Il sight Il metodo del grado, per poter essere eseguito, necessitava di imparare a memoria un numero molto elevato di serie di sillabe. Prima si dovevano scegliere i suoni pos Rusconi A. Scott Cuthbert M. I trattati inglesi sul contrappunto descrivono una applicazione pratica di questo modo Pertanto, non sorprende il fatto che le due tecniche fossero spesso congiunte dai commentatori moderni Fuller S.

Si veda anche K. Il manoscritto, conservato a Oxford, Bodleian Library, Ms. Bodley , potrebbe essere di tradizione inglese. De Pareia B. La sua mano di contrappunto, molto completa, propone una serie di sillabe entro le sette deduzioni del Gamut. Lanfranco G. H iii-H iiiv; da Picitono A. Ringrazio Giuseppe Fiorentino di avermi segnalato questa fonte. Il breve capitolo dedicato al contrappunto si basa su una tabella di consonanze sillabiche, precedute da una sintetica spiegazione sui tipi di intervalli e delle successioni consentite. Per un quadro completo della vicenda bibliografia di queste stampe, cfr.

Mazuela-Anguita A. Martinez de Bizcargui G. F vii. Hothby ca. In precedenza, stando a quanto lui stesso dice, avrebbe viaggiato in Italia, Si trascrive da BNM, ms. Burtius N. Quem enim a teneris unguiculis ut aiunt greci contrapunctum didicerim vobis decrevi succincte describere. Non tamen ut musicis sit in exemplum: sed tantum prac-.

Londra, BL, Harley , cc. Riproduzione in Sachs K. O 29, c. Si noti che le sillabe mescolano i diversi gradi senza che si faccia mai riferimento a questo concetto. De Podio G. Aranda M. D viii v. Canguilhem Brepols, Turnhout, , pp. Cerone P. Il passaggio tradotto di Lusitano si trova a p. Cerreto S. Traduzione di Giordano Mastrocola. Ivi, X, vii, Parigi, BnF, ms. Stampe Guillaume Guerson, Utilissime musicales regule Paris, ca.

O 29, ff. Z Gallo F. Ganassi S. Il canone retorico si articola in inventio, dispositio, elocutio, memoria e pronunciatio. Palisca C. Quintiliano M. Faranda e P. II, pp. Ivi, XI, 3, , v. Ivi, XI, 3, 75, v. Ivi, XI, 3, 62, v. Num igitur non haec omnia oratori necessaria? Quorum unum ad gestum, alterum ad conlocationem verborum, tertium ad flexus vocis, qui sunt in agendo quoque plurimi, pertinet […]. Namque et voce et modulatione grandia elate, iucunda dulciter, moderata leniter canit totamque arte consentit cum eorum, quae dicuntur, adfectibus.

Ivi, I, 10, , v. I, pp. Su questo processo si veda Morpurgo-Tagliabue G. Maschera G. Nella musica, come nella retorica, la dimensione mimetica si realizza tanto nella costruzione, quanto nella realizzazione del discorso. Lausberg H. Elementi di retorica, il Mulino, Bologna, , p.

Ganassi ha Merleau-Ponty M. In un aneddoto narratoci da Anton Francesco Doni, ad esempio, la reazione di uno sprovveduto ascoltatore di fronte ai virtuosismi di Giovan Jacopo Buzzino appare, senza dubbio, straniante: M. Da buon musico-oratore, Giovan Jacopo cerca un remedium per mediare tra la sua intenzione di straniamento e lo straniamento recepito dal goffo, astenendosi dal diminuire.

Per una bibliografia della trattatistica sulla diminuzione cfr. Ferand E.

La Rue, W. Doni A. Per tanto ho voluto in questo secondo far la parte che canta in due modi, e semplice e passaggiata. La passaggiata poi, per quelli che havendo dispositione, non hanno contrapunto da poter formare la diminutione come regolatamente si deve Barbarino B. Petit Coclico A. Sul concetto di eleganza cfr. In questo esercizio va fatta particolare attenzione Freedman J. Zarlino G. Gregg Press, Ridgewood, N. Il musico marchigiano elegge il punto di vista percettivo e lo utilizza come criterio di legittimazione della diminuzione, indipendentemente dal viatico dei compositori.

Zacconi L. I, Girolamo Polo, Venezia, , facs. Plinio, Naturalis historia, libro X, cap. Uberti G. Rostirolla, LIM, Lucca, , pp. Grandi A. La relazione qui riattivata tra ornamentazione e bellezza ha una lunga storia. Eandem Aristoteles quoque petendam maxime putat. Curtius E. Antonelli, La Nuova Italia, Firenze, , p. Dante, Convivio, II 11, 4. Il rapporto tra memoria Conforti G. In questo caso, i nostri luoghi sono costituiti dagli intervalli cui afferiscono i diversi passaggi, veri e propri serbatoi in cui le nostre imagines di memoria vengono depositate.

Dalla Casa G. Gelli G. Bruno G. Matteoli, R. Sturlese e N. Tirinnanzi, Milano, , vol. Vogt M. Durante e A. Besutti P. Fisiognomica ed espressione nelle arti del Rinascimento, Atti del convegno di studi Torino, novembre , a cura di A. Pontremoli, Olschki, Firenze, , pp.

Bardi G. Castiglione B. Della Valle P. Solerti, Le origini del melodramma. Testimonianze dei contemporanei, Bocca, Torino, , p. Sforza-Pallavicino P. Pietro Osti-. Vicentino N. Ivi, c. Ronga, Ricciardi, Milano-Napoli, , pp. DeFord R. Vicentino, op. In tal modo, essi seguivano le preferenze musicali e letterarie del tempo fino a modificarle. Un ringraziamento va a Paola Besutti per i suoi preziosi consigli, in fase di revisione, sulle questioni termonologiche e concettuali legate alla parte tecnica-teorica musicale. Nel , Andrea Gabrieli pubblica il suo Primo libro dei madrigali a tre voci, una collezione di trenta madrigali raggruppati in nove parti di varia misura1.

Si tratta di brevi componimenti caratterizzati da una struttura relativamente semplice, un linguaggio ampiamente diatonico e di proporzioni ridotte, chiaramente destinati a cantanti non professionisti. Questi madrigali leggeri sembrano infatti del tutto sproporzionati rispetto alla levatura dei testi che Gabrieli scelse per loro, che non sono i versi leggeri di villanelle, greghesche e giustiniane.

Il libro comprende, infatti, ottave di Pietro Bembo 1. Gabrieli A. Andreotti, Ricordi, Milano, Willaert aveva pubblicato un volume di Canzoni villanesche alla napolitana a quattro con la canzon di Ruzante libro primo Venezia, , ristampato due volte , e lo stampatore Girolamo Scotto aveva assemblato due volume di canzoni villanesche alla napolitana e che contengono parole di Willaert e di Francesco Corteccia in entrambi i volumi e ancora di Francesco Silvestrino solo in quello del Inoltre Willaert aveva incluso le sue villanesche e la Canzon di Ruzante anche nel suo primo libro di madrigali Per poter comprendere il volume nella 3.

Einstein A. Krappe, R. Sessions e O. James Haar ha perseguito questo tipo di indagine nel suo Arie per cantar stanze ariostesche in Ariosto, la musica, i musicisti: quattro studi e sette madrigali ariosteschi, a cura di M. Balsano, Olschki, Firenze, , pp.

Gli elementi musicali accompagnano e al tempo stesso sovrastano i gruppi poetici per unificare infine la raccolta. Gabrieli compone questi madrigali a tre voci per varie Si tratta per la maggior parte di monologhi, un dato importante sul quale La sentiamo inveire in battaglia contro Ruggiero, che rappresenta un irraggiungibile oggetto del desiderio Canto 36; nn. La scena altamente affettiva fra Zerbino e Isabella rispecchia quella descritta nelle stanze iniziali di Tansillo: in entrambe, un cavaliere muore, per le ferite, tra le braccia di una donna che lo ama.

Il noto compositore e Le osservazioni di Zarlino sono particolarmente importanti alla luce della storia della messinscena in musica sia dei testi di Gabrieli sia di Tansillo. La sua fortuna musicale fu relativamente esile, almeno per quanto riguarda la stampa. I commenti di Zarlino suggeriscono che il circuito editoriale potrebbe non essere stato il suo modo naturale di trasmissione, quanto invece le performance orali, eviden4. Taglia P. Giulio Bonagiunta e Giovanni Ferretti lo adattarono come canzone napolitana rispettivamente per tre e cinque voci; Giovanni Leonardo Primavera , Maddalena Casulana e Tiburzio Massaino lo trattarono come un madrigale rispettivamente per cinque, quattro e cinque voci 6.

Bonagiunta G. Ruth DeFord elenca fra i testi di madrigal di Bonagiunta e Ferretti quelli che hanno generato adattamenti di canzonette leggere. Si veda, DeFord R. Il punto di vista parallelo di DeFord, citato alla nota 10, nasce da una polarizzazione simile in risposta a tali testi. Il secondo gruppo nn. La sua conclusione la conduce a non condannare nessuno se non se stessa per essersi lasciata travolgere in un ciclo perpetuo di amore e delusione, fuoco e ghiaccio.

Dunque debbo prezzare un che mi sdegna? Debbo pregar chi mai non mi risponde? Ottaviano Fregoso, mascherati da Ambasciatore della dea Venere e inviati a Mad. Lisabetta Gonzaga Duchessa di Urbino e Mad. Emilia Pia, che erano sedute fra molte 8. Che sol pensando in voi tempri ogni noia? Che le vostre tranquille e pure luci del suo corso mortal segua per duci?

Si cita da Einstein A. Sulla collaborazione tra Fregoso e Bembo per queste stanze, si veda Motta U. Il loro messaggio, anche se consegnato con leggerezza, non era privo di ambizione: la stanza 47, per esempio, va precisamente nella direzione delle teorie platoniche di amore e cosmologia, che il giovane Bembo, molto prima di entrare in chiesa come un cardinale, professava Il fatto che le strofe del Bembo, come nota Einstein, Bembo P. Mentre la coppia Bradamente e Ruggero del poema ariostesco evocano la corte di Ferrara, le quattro stanze del Bembo ci portano alla corte di Urbino. Il libro di Castiglione si tinge di nostalgia.

Si veda, R. Tamalio, sv. Il tono platonico delle strofe, e del discorso stesso, riflettono il precedente dialogo scritto da Bembo, Gli Asolani , pubblicato a Venezia da Aldo Manuzio nel Un catalogo delle edizioni de Il Cortigiano appare in Burke P. Una prima edizione apparve infatti nel volume Cinquanta stanze del Bembo con la musica di sopra di Jacques du Pont, edito nel a Venezia da Antonio Gardano.

Prima parte delle stanze di diversi illustri poeti, Giolito, Venezia, Altri aspetti del volume di Gabrieli evocano il teatrale. MacNeil, op. Si tratta di Tommasi Garzoni, citato in MacNeil, op. Questo almeno il commento di Francesco Carabucci, citato in Nicholson, op. Caccini F. Per loro stessa natura esistono come parte di un processo di composizione musicale condivisa, di conversazione, riflessione e ricomposizione.

In questo senso, queste pratiche possono essere state Thompson E. Gordon, e Jane Heal, ad esempio di Heal J. Carruthers e P. Smith, Cambridge University Press, Cambridge, In questo modo Benjamin espone una rottura nel continuum dello svolgimento culturale, che egli giustifica introducendo la distinzione tra storicismo e materialismo storico. Lo fece concentrandosi instancabilmente sugli aspetti dialettici delle mnemotechiche piantati nella pratica performativa.

Adorno Th. Questa risposta fu articolata a partire dalla presenza di oggetti che rompevano un sogno utopico esplorando le fessure e le crepe dei miti nazionali nelle narrazioni dominanti. Kantor T. Bablet, Ubulibri, Milano, , p. Si cita da Borowski W. Wielopole esisteva per lui nella memoria.

Lo spazio performativo in Wielopole, Wielopole, una semplice pedana di legno, era spoglio, fatta eccezione per alcuni pezzi di mobilio — un letto, un armadio, una finestra e alcune sedie Kantor si muoveva tra loro. Apriva e Appena questi gesti introduttivi venivano completati, a un segnale di Kantor, le porte al centro del palco si aprivano ed entravano gli attori. Erano divisi in due gruppi: il primo, quello dei membri della famiglia, si disponeva sdraiato sul pavimento, sparso per il palco. Kantor chiudeva le porte. Lo chiamavamo zio.

Il primo a sinistra. Sul retro della fotografia invia i suoi saluti. Gli altri sono gli Zii e le Zie. A partire da questo momento, il loro fato e la loro fortuna inizia a cambiare attraverso mutamenti radicali, spesso alquanto imbarazzanti, che non sarebbero stati in grado di affrontare se fossero ancora vivi Hanno un aspetto dimesso, sporco, sono malamente vestiti, deboli, consumati dalla vita, malmessi in confronto alle altre persone che ci sono spesso vicine.

Gli zii sono interpretati da senzatetto. Non citiamo neanche il Prete. E un altro personaggio, lo zio Stasio, un relitto sommerso da un esilio siberiano, un commesso viaggiatore con un organetto Davvero una memorabile collezione di personaggi quelli convocati da Kantor per edificare la sua camera memoriale. Sembra che ci sia qualcosa di sbagliato. Una valigia nera attira la sua attenzione. Una valigia. Una valigia era sul tavolo. Si avvicina al tavolo, tocca una valigia come se volesse controllare qualcosa.

Guarda lo zio Olek seduto immobile su una sedia. Zio Olek! Zio Olek non era seduto. Stava in piedi o camminava. Lo zio Olek si alza. Guarda attentamente la valigia. Mentre trasporta con attenzione una valigia, sbatte contro una sedia. E questa sedia? Anche il nonno non stava seduto! Non era neppure in piedi. Entrambi gli zii sono inghiottiti nella solitudine delle loro indecisioni e dei loro ricordi Zio Olek e Zio Karol continuavano a modificare la posizione degli oggetti e a rimuovere quei personaggi che avrebbero o meno dovuto essere nella stanza della memoria.

Questo gioco poteva continuare ad absurdum, ma veniva improvvisamente interrotto dalla negazione, da parte degli Zii, della loro stessa presenza sul palco. Erano stati disinnescati e ricostruiti allo stesso modo degli oggetti di cartapesta, quando vengono colpiti da una forza esterna. La sequenza di apertura visualizzava questo processo in scena.

Il pubblico che entrava nello spazio della performance vi trovava Kantor intento a organizzare la stanza della memoria. Una volta che aveva terminato le sue azioni, a un suo segnale entravano i membri della famiglia. Lo zio Karol e lo zio Olek cominciavano a spostare oggetti e persone nella stanza. Si cita da Tadeusz Kantor: scuola elementare del teatro a cura di L. Ryba e R. Palazzi, Ubulibri, Milano, , p. Questo ripetere i gesti, come un ripiegarsi della rappresentazione su se stessa, trasforma la sequenza lineare della vita in una serie di contraddizioni nello spazio.

Queste riflessioni hanno portato alla ribalta e reso esplicite le contraddizioni dello spazio prodotte nello spazio, secondo la definizione di Lefebvre. La memoria, che va morendo costantemente, viene visualizzata attraverso lo zio Olek e lo zio Karol che limitano il numero delle per Questi ricordi, come Wielopole, Wielopole aveva Che scartano modelli di logica, che sono vincolanti alla vita quotidiana Sul palco, questi ricordi vengono mostrati simultaneamente come un gruppo di lastre fotografiche.

Un letto, un comodino, una porta e le sedie convivevano con le croci di legno del cimitero. Non si dava divisione tra di loro. Nel terzo atto, una came Nel quarto atto, infine, sia un ricovero che una cella di prigione. Si aspettava che qualcosa o qualcuno una lastra fotografica o una serie apparisse da dietro le sue porte. Questa doppia trasformazione che metteva insieme il passato la vita e il futuro la morte veniva resa in scena dalla coppia dei gemelli. Tutte queste molteplici lastre fotografiche sono presenti in scena simultaneamente, come immagini di Kantor che evocano memorie diverse capaci di dotarsi di forma fisica e di generare a loro volta ricordi.

Quelle argentate. La stanza della memoria di Kantor viene invasa da personaggi estratti dalla storia e dal suo teatro della morte. Poi, lentamente, i fantasmi del passato si ritirarono lasciando il soldatino e il capitano a cavallo. In Crepino gli artisti, i personaggi che apparivano in scena erano prodotti dalla memoria di Kantor.

Le immagini erano in un costante processo di trasformazione priva di qualsiasi logica, causale, o disegno precostituito. Queste trasformazioni venivano istigate dal comparire e scomparire dei personaggi da dietro le porte. A differenza del passato, quando Kantor sarebbe stato in scena a organizzare la sua stanza della memoria mentre Tutti gli eventi che vi si svolgono avvengono sulla soglia del tempo. Improvvisamente, risuonano i colpi invadenti di qualcuno che bussa alla porta della locanda. Questa si apre e una troupe di attori di giro irrompe nello spazio.

Kantor la conduceva delicatamente a un tavolo. Sulle prime, nessuno pareva far caso alla sua presenza. Il monologo terminava. Suoni di tango. La storia del ritorno di Ulisse non veniva mostrata come il riallestimento di scene estratte dalla produzione del , ma come un collage di Dopo aver ucciso tutti gli amanti che, nel loro ultimo barlume di vita avevano interpretato, come un ritornello, il gioco dei bambini de La classe morta, Ulisse raggiunge Kantor e si siede al tavolo con lui. Entrai in un cimitero. Ho ucciso tutto. Tutto — ho spinto via.

Avevo la mia patria nel mio cuore. Una barca piena di persone.

Deuxième partie. Des mots et des images. L’édition scientifique

Le onde mi separano dalle loro voci. Le onde mi separano dalla barca dei morti.


  • Mary (Conversations Through the Pages - New Testament).
  • Color Atlas of Oral Diseases in Children and Adolescents.
  • Abc or a B C - AbeBooks.
  • Ignatz the Noodle Man;
  • Rome et la science moderne?
  • Im Not Backing Down!
  • Love and Betrayal (The Eternal Dungeon: Rebirth #2)?

State immobili26! Ulisse si alzava in piedi e si univa alla massa spettrale. Il Grand Emballage per antonomasia. Adesso, la memoria era una piega Entrando e partecipando agli eventi che si svolgono nella locanda, Kantor alterava i rapporti tra interno ed esterno. Una traccia mnestica veniva prima identificata, poi mantenuta, quindi materializzata, infine dispersa. La composizione e ricomposizione dei Vecchi ne La classe morta, i gesti reiterati dei membri della famiglia in Wielopole, Wielopole e gli spazi multipli una stanza, il ripostiglio di un cimitero, un asilo e una prigione in Crepino gli artisti sono altrettante esemplificazioni di questo processo.

Prendiamo ad esempio la sequenza del ritorno di Ulisse. Il Si veda Deleuze G. Deleuze G. Le apparizioni del passato, le cui parti venivano assegnate da un Prete di Wielopole, Wielopole, erano un mondo possibile che manifestava una propria coerenza in quel dato momento. Ciascuno di questi mondi possibili, che potevano generare la loro propria storia e memoria, come manifestato in Crepino gli artisti, condivideva ora una visione de Il ritorno di Ulisse. Il palcoscenico, una semplice piattaforma, era affollato di persone e oggetti. Al centro campeggiava il camino di una casa distrutta da un incendio.

Nel lato sinistro, un tavolo e qualche sedia. Un emballage di figure umane velate di lenzuola bianche occupava la parte centrale. Nino, una figura in nero con un violoncello, era seduto a sinistra del palco. La musica ritornava. Tutto iniziava con un tango. Helka, seduta ai piedi della croce, raccoglieva e cullava il bambinello.

Era quindi il turno della melodia rivoluzionaria e delle azioni intorno alla Ghigliottina. La sequenza ripartiva ancora. Tutte le altre azioni collassavano. Esausti, gli abitanti della stanza e della storia si sedevano a terra e rimanevano in silenzio. Appariva la canna di una pistola. Veniva esploso un colpo. Tutti uccisi. Il colpo risuonava nuovamente. I cadaveri si spargevano intorno alla Croce, la Ghigliottina e il camino.

Lefebvre H. La narrazione indiretta e le rivisitazioni della storia, accompagnati dal suono condiscendente dei canti natalizi, sopprimevano quasi le altre possibili interpretazioni della sequenza, non fosse stato per i tre tentativi, reiterati e falliti, di metterla in scena. De Certeau M. Facioni, Jaca Book, Milano, , pp. Foucault M. I frammenti, come le schegge di uno specchio rotto, tagliano i resti della metafisica che popolano le strutture del pensiero. Queste forme materiali o ricordi, come una serie di frammenti a cascata, articolati e riarticolati da Kantor, non ammettono di risolversi in mero diletto o di ricondursi a una sintesi armoniosa.

Stefano Tomassini Oltre la moltitudine. Memoria e adynamia nella Sagra della Primavera di Cristina Rizzo Ma sembrava solo, completamente solo in tutto il mondo. Le utilizzavo per il mondo fisico e per il mondo interno. Tenera Valse, Anatomia della ragazza zoo. Tra il e il , la danzatrice e coreografa italiana Cristina Rizzo ha affrontato, per piani successivi certamente dissimili eppure complementari, la Sagra della primavera.

Quadri della Russia pagana in due parti di Igor Stravinskij Poi di una installazione visiva e sonora per un ambiente museale con le riprese video della precedente versione coreografica. Infine, di un nuovo lavoro a impianto performativo e solistico, da lei stessa interpretato. Come per esempio nel lavoro dello storico canadese, di origine lettone, Ekstein M. Ovvero, qualcosa avviene senza una ragione. Rizzo crea il vuoto nella coreografia: in assenza di una qualsiasi supremazia della relazione, la danza che accade risulta riscattata da ogni intenzione performativa.

Sulle numerose versioni coreografiche si vd. Laine M. Cavarero A. Resta quindi da chiedersi: quale nuova logica sopravviene? Nel Rizzo ha realizzato, per un gruppo di interpreti tutti maschili del Junior Balletto di Toscana la sua prima versione della Sagra della primavera di Igor Stravinskij Reggio Emilia, Teatro Ariosto, utilizzando 4. Su cui si veda Corpo sottile. Uno sguardo sulla nuova coreografia europea, a cura di S. Sulla sua analsi del Sacre si veda Boulez P. Adorno Matassi e F. Tavani, Donzelli, Roma, , pp. Virno P.

Per una analisi delle forme di vita contemporanee, DeriveApprodi, Roma, , p. La messa in scena di una presa di parola, ma in stretto per quanto non pacifico dialogo con la lingua della musica. Ma ho operato scelte. Prospetto di analisi comparativa partitura musicale. Roerich N. Nectoux, I.

I software autore per la didattica

Zilberstein e V. Stravinskij I. Taruskin R. Le tradizioni russe, la sintesi di Stravinsky , ed. Torelli e M. Uvietta, Ricordi, Milano, , p. Gioco del rapimento11 un crescendo orchestrale conduce a questo quadro, di grande effetto sonoro;. Qui come altrove, Taruskin dimostra come la fonte sia il cronista cinquecentesco Nestor Letopisets Le sacre du printemps, cit.

Ekstein M. Adorno T. Ma si veda anche il posteriore Strawinsky. Scritti musicali , a cura di Borio G. In contrappunto, e per una revisione analitica, si veda Marsch J. Il programma originario della partitura del Sacre era la ricostituzione in un tutto unitario di una disarmonia percepita come frammentazione dei valori di natura. Nel vuoto invece cercato e creato dalla coreografia di Rizzo, Saggi di storia e geopolitica, Mondadori, Milano, , p.

Dossier de presse Press-Book, a cura di F. Lesure, Editions Minkoff, Ginevra, Braidotti R. Crispino, Luca Sossella Editore, Roma, , p. Il complesso effetto Berthoz A. Effetti di scansione circolare del tempo lineare. Per modulare risposte emotive e indicare una sua indipendenza lirica:. Il ricordo smette di essere una enigmatica metafora e si organizza come una esperienza, sociale e culturale, di una memoria vissuta Franko e A.

Migliorati L. Esperienze, culture, confini, a cura di M. Doni e L. Migliorati, Carocci, Roma, , pp. E forse anche allude ai due diversi dispositivi con cui Rizzo affronta la scena. Agamben G. Deleuze e G. La formula della creazione, Quodlibet, Macerata, , pp. Pensiero critico e musica, Mimesis, Milano, , pp. Il potere sovrano e la nuda vita, Einaudi, Torino, e , p.

Cosa sembra realizzare Rizzo nel suo duplice dispositivo performativo? Propongo la seguente raffigurazione come una sua possibile visualizzazione sistemica: Come si evince dallo schema, la performance persegue un indebolimento della consueta relazione spettacolare della visione teatrale. Si tratta di una disgiunzione che, mentre separa, avvicina senza distinguere. Al potere delle memoria succede un atto senza potenza: Rizzo agisce dunque in un altro mondo. Come se la sua triplice esperienza performativa del Sacre du Prin Alessia Cervini Attrazione, efficacia, retorica La riflessione di S.

Montani, Marsilio, Venezia, e Lurija A. Viaggio fra i misteri del cervello umano, trad. Nei due volumi sono contenute alcune importanti testimonianze del lavoro svolto dai tre, a partire dagli anni Venti dello scorso secolo. Lurija A. Vediamo quale. Come spiega Vsevolodskij-Gernfross: Il gesto il gioco scenico fisico deve precedere la parola. Che Per approfondimenti, mi permetto di rimandare al mio, Per una filosofia della memoria.

Una lettura di Metod fra scienze naturali e storiche, in La forma della memoria. Pitassio, Forum, Udine, , pp. M, La regia, cit. Cervini A. Una lettura di Metod fra scienze naturali e storiche, in La forma della memoria, cit. Un riferimento allo stesso tema si trova sempre in La regia, cit. Ripetizione e allitterazione sono le figure a cui si fa implicito riferimento nel passaggio appena citato, ma molte altre sono le immagini retoriche che ricorrono Molto bello, non lo avevo ancora visto. Posso gentilmente muoverti un piccolo appunto?

E, certo, sai benissimo che anche gli eserciti di Sargon il grande ne facevano uso , ecc ecc. Temo che ci sia da cambiare il titolo. Almeno se si vuole restare nell'ambito medievale. E, te lo dico subito, io non me la sento, eh! Scusa per la pikkola kattiveria. Ubi major minor cessat e la precisione Credevo fosse universalmente noto. Il resto della tiritera me lo sono inventato fra i fumi del sonno qualche mezz'ora fa. Ci ha pensato Marcok a fare pulizia di quelli non inerenti Quella che c'era, pur bella, mostrava anche troppo le condizioni di degrado che hanno richiesto il lungo restauro terminato da poco.

Adriano , 3 lug CEST. Caro Giorces, scusami se ti rispondo solo adesso ma era qualche tempo anni! Non andava bene il redirect come l'avevo messo io? Scusa il ritardo ma sono appena tornato dai miei "possedimenti" austriaci. Evidentemente sto perdendo qualche colpo ma se non lo trovo in wiki poi non cerco oltre. Per ora Vale! Ehy medievalista!

Ma siccome io mi limito alla lima e alla chiave inglese sono arrivato solo fino qui. Buon divertimento. Sono sicuro che puoi tirarne fuori una vetrina. E io te la rompo con un mattone. Ciao Giorces, le gallerie ci sono ancora, devi solo linkarle come [[:commons:Romanico Bergamasco]] etc. Non preoccuparti!

E complimenti per le foto! Ti risulta? Davvero un ottimo lavoro. Dato che sei il maggior contribuente della [ Galleria Orobica ] volevo la tua opinione sulla mia proposta di modifica visto che sta diventando enorme. L'esempio lo puoi trovare [ qui ]. Complimenti per le foto e per gli articoli, forse dovresti proporre un portale per Bergamo. Ciao, sai che per colpa tua ho comprato la biografia di Giovanna e me la porto in vacanza?

Spero sia una buona lettura Ti ho risposto da me. Anche per Gite intelligenti clicca qui che piffero, scusa avevo dimenticato la firma qui sopra. Meno male che mi capisci Ero partito con altre intenzioni, volevo parlare della battaglia di Corbione che, come vedi, non esiste. Ma sono partito dalla cesura storica della caduta dei Decemviri.

E mi sono trovato questa voce bell'e fatta dal buon vecchio Tito. E l'altra era in territorio sabino penso ma dove? Di solito si usa nominare le battaglie in relazione alla zona dell'avvenimanto Zama, Ticino, Mantinea, Monte Graupio ecc. Ma queste "piccole battaglie" di Roma, e ce ne sono decine, non hanno un nome. E a me piacciono gli avvenimenti paradossali e particolari. Vedi cosa succede a lavorare in stato semicomatoso da notte passata in Sezione? E mo'? Se hai qualche idea ti prego in ginocchio e ti scongiuro dimmelo!

Sono disperato. E grazie per i complimenti per i versi ma non stavo "fishing" come dicono i brits. Il "malnato" Orbilio :DD non ha voluto mettere la traduzione "professionistica" e non so se quelle righe hanno un vero valore. Quanto all'essere poeta, beh, lo so da tempo! E mettimi il link al tuo ultimo lavoro; sono sempre ansioso di vedere quello che produci. Di solito sono bellissime cose!!! Bell'articolo, complimenti. Bella, Lemine!

Naturalmente oltre le battaglie che puoi trovare nella mia lista Per restare in periodo romano magari Cesare ha avuto aiuto dai Cenomani visto che voleva dare la cittadinanza romana a tutta la Padania e - credo - quelli di Como hanno combinato qualcosa. Hai Plutarco sotto casa? O magari Svetonio sotto il tappeto? Per cambiare problema e se lo intitolassi Il Popolo, il Senato, il Trionfo? Scommetto che in pochi minuti cancellano le maiuscole, trovano titoli nemmeno uno buono e scatenano un po' di polemiche al bar.

Quasi quasi Che prurito!!! Se proprio ti scappa ti scansiono la pagina in greco ma preferirei di no Ah, in nota dice che dei Simbri parla solo Strabone. Qualcuno dice che trattasi degli Insubri. Sai le cose raccontate di seconda mano Questo corrisponde all'uso che si fa nella letteratura sulla religione romana, quindi ti pregherei di non modificare i redirect, grazie. Se sempre molto gentile. Comunque grazie. E trovaci qualche immagine :DDD. Fino a quando La logica mi dice che, evidentemente, devo aver trovato qualcosa durante la redazione della voce. Stai in allegria che forse ne siamo a capo.

Credo che si tratti di Polibio ma pensavo di averlo ri-letto tutto Ma senza fretta, eh! Eccolo qui [ [2]. Cmq vai tranquillo o Livio o Polibio. Se no proprio non so. Va benissimo, grazie. Fai sempre dei bei lavori. Di un portale Bergamo si parla da tempo Comincio a mettere un appello in Discussione:Bergamo e vediamo chi ci sta.

Come al solito, QUI Vale! D'altronde qualcuno doveva pur rompere il ghiaccio, no? Carissimo Giorces Va bene: mi faccio prestare la macchina fotografica e vado un po' in giro a farne. Ho creato il box per il dialetto, ci sono da mettere le voci che mancano. Rileggendo un periodo della punica di cui al titolo ho cambiato qualcosa QUI V. Tienine conto se proprio stati lavorandoci su. Ho rimaneggiato un po' il mio "indice", Veni Vidi Wiki che tu ben conosci e che non voglio propagandare in giro. Riposta risposta al solito posto Vale! Cielo come sono bravo! Ulteriore risposta. Questa voce non ce l'hanno nemmeno i brits.

Ma sempre da tenere d'occhio, la farfallona. Quando torno magari trovo un padre per la povera orfanella. Lo sapevo che mi facevi lavorare! Ho messo qualche link e sistemata alla meno peggio la nota in neretto. Oggi non ho tempo altro lavoro al computer x moglie e poi lavoro trenico. Ma potresti anche lavorare direttamente nella sandbox, no? Credi che mi dispiaccia? Ricomincio io - e poi magari questa la sposti nel'altro archivio o meglio la cancelli del tutto. Anche le foto del giorno sono meno di 31 dovrebbero essere 29 per ora.

Pensavo di mettere anche le biografie a rotazione e una sezione sport. Tra non molto lo pubblichiamo! Avevi messo il dopo il parametro, ma andava prima! Ciao, Visto il "Pirla" e apprezzato. Sono ancora in giro per qualche scampolo di tempo anche domattina, spero. Ho letto la nota per staccare la Cronologia.

Se ricordo bene l'ho tradotta e integrata, as usual dalla voce sorella di en:wiki. Sono perplesso e dibattuto. Intanto ho scritto qualche altra voce -stavo pensando di fare un indice in ordine cronologico- che, viste le tue attitudini iconiche- potresti illustrare. Per il portale di BG sono pienamente d'accordo.. Non sono un letterato, ma qualche foto posso sempre farla. Io nei week-end giro spesso in zona, quindi se hai-avete foto da richiedere contate pure su di me.

Citazioni e proverbi li metterei insieme, in fondo fanno parte della stessa categoria saggezza popolare. Dai che ci siamo! Guarda se ti va bene come ho sistemato la tua pagina utente: a x mi risulta gradevole. Spero che volessi intendere questo tipo di allineamento: se non ho capito, proviamo in un altro modo. Sull'ortografia non saprei Non so se a Villongo sia diverso Grazie della segnalazione, sono rientrato oggi dalle ferie e ho gradito molto la tua segnalazione.

Buona la collocazione nel box dialetto. I musei li metteri a sinistra, sviluppo orizzontale. Al momento soluzioni per i cassetti non me ne vengono, ci penso. Ho pensato ad una soluzione per evitare i cassetti, mettere nel portale una lista parziale con un link alla lista completa, che va in una pagina a parte. Ho provato a farlo per i comuni senza foto, quelli che ci sono sono in ordine di popolazione. Come ti sembra? Bella soluzione! Ho centrato le foto e ne ho messe due per fila il mio monitor ne metteva 3 e Sarebbe opportuno chiedere alla direzione del museo un'autorizzazione. Cruccone msg , 4 set CEST.

Vado ad annunciare al bar. Grazie mille del lavorone che hai fatto! Cruccone msg , 5 set CEST. Carissimo Giorces, ho messo mano al template come hai consigliato, guarda se va bene: [[Template:Bergamo]]. Per me va bene. Mi spiace, non ne ho proprio idea. Buona caccia. Mi pare che il portale vada bene. Si, credo che basti l'e-mail per l'autorizzazione. Nella richiesta indica chiaramente che si intendano rilasciate sotto GFDL oppure che indichino chiaramente una licenza e i termini in cui concedono l'autorizzazione. Ciao Giorces, ho visto che stai mettendo il template Bergamo in diverse biografie.

Come avrei potuto dovuto? Domenica ho portato i miei bambini in piazza vecchia a vedere lo spettacolo dei burattini e ho chiesto al burattinaio di fare la foto. Un'altra foto la puoi vedere alla voce teatro dei burattini. Ovverosia: sono tornato. Per oggi scavo e riprendo a camminare poi domani ricomincia la tiritera dei turni e vedremo di quantificare il trauma da rientro.

Sempre che si possa quantificare l'incommensurabile. Speor che nel frattempo tutto stia scorrendo liscio dalla tua partte del monitor. Intanto, per ora, ti Sallustio. Bello bello Gisalberto. Potrei averlo scritto io :P. Un saluto di corsa. Come ti preannunciavo, suggerimenti e quant'altro, ovviamente, fioccano. Devi indicare esplicitamente l'autore e l'autorizzazione. Comunque, le copyrighted sono pessime come licenza, se sei tu l'autore o hai modo di contattarlo sarebbe molto meglio una licenza libera.

Ho visto le foto del Monastero Matris Domini una voce che avrei voluto scrivere , magari qualche foto libera posso recuperarla. Ne fa parte come ramo di discendenza incerta.. Grandiosa la voce; "una delle tue" e sono tutte belle. Mi rode l'invidia. E riposati!! Ciao Giorces, grazie del messaggio. In ogni caso vediamo un po' cosa ne pensano al Bar, vediamo reazioni e poi raffiniamo la cosa. A risentirci! Risposta da me e mail partita via Wikipedia.

Non la conoscevo. Da dove viene? OK, non sei l'unico a chiedermelo, le foto che inserisco d'ora in avanti le metto senza sovrascritte. Ah, dimenticavo, io viaggio a 56k, non chiedermi di sostituirle tutte per favore!!! Volevo avvertirti che le modifiche alla voce in questione di cui hai fatto rollback sono state fatte nel contesto del progetto depov santi.

Grazie in ogni caso. Draco "Quoto Tyl" Roboter. Ylebru dimmela , 7 ott CEST. Contrariamente al solito ti rispondo qui. I peperoni non li ho mangiati come ben sai. Quindi no problem. Le ultime cose che ho sono del defunto prof. Susini, roba di anni fa; e ancora, i Trattati di pace fra Roma e Cartagine prima e dopo Zama ma mi sembra un titolo un po' trombonesco che mi fa scappare da ridere. La biografia di Bill l'avevo letta e apprezzata quando l'hai licenziata.

Quindi niente voto :DD. No-no te lo do il voto, non piangere! Io sono uno come tanti. Per questo ho rimodificato l'incipit di San Galgano, mettendo prima il nome noto. A presto e Ylebru dimmela , 8 ott CEST. Purtroppo ho dovuto richiedere la cancellazione di quella di testa. Ho visto che vi hai spostato la foto del torneo. Sto cercando di vedere se c'e' qualcosa di scansionabile in PD-italy per trovare dei sostituiti alle immagini cancellate o con indicazioni di copyright carenti.

Vedi anche mio commento qui Potresti per favore indicare in modo dettagliato l'origine, la licenza originale, eventuali modifiche all'originale di queste due immagini o di altre in condizioni simili se ci sono. Non ho terminato il controllo della voce che hai caricato su commons? Per quanto riguarda la data nell'altra, ho solo visto che c'era nell'originale, non ho controllato in dettaglio la foto.

Vedi tu! Cruccone msg , 9 ott CEST. Ciao Giorces ti volevo ringraziare per aver votato a favore per Manuele I Comneno per la vetrina. Direi che hai fatto bene. Di ritratti di Re Sejong secondo me ne basta uno - scegliamo tra la stampa o la statua, ma metterle entrambe mi pare una ridondanza. Grazie per aver messo mano alla bibliografia. Grazie per avermi scritto, ma soprattutto grazie per le belle immagini con cui arricchisci Wikipedia. D'altra parte, le thumbnails che vengono caricate in una gallery sono abbastanza piccole circa 10 kb l'una per cui ne puoi caricare sicuramente qualcuna ed inserire il rimando alla pagina con la galleria completa.

Che triste, e poi: Secondo me non era pazza Non ho mica capito Ylebru dimmela , 17 ott CEST. Mi sembra a posto. Buona idea! Ciao Giorces. Ne approfitto per chiederti un'informazione. L'anno scorso ho fatto una gita ad un rifugio sul monte opposto alla Presolana di cui non ricordo il nome, di cui ho fatto due foto e che ho riportato in qeusta pagina di commons le prime due.

Scusa se non ti ho risposto qui, pensavo che era tutto apposto nel bar. Complimenti a te. Piacere di conoscerti. Poi prenoto un tour guidato la prossima volta che sono a Bergamo! Ho visto che a re-inserito il [[Template:Bergamo]] nella voce del sentiero Come facciamo convivere i due template, che a mio parere sono entrambi importanti per la voce? Fammi sapere Ciao -- kia do , 30 ott CET. Nelle voci che hanno solo l'icona del "template Bergamo" il problema non dovrebbe porsi. Che te ne pare? Ho visto l'indovinello le mammelle della mucca? Molti dei lettori di Wikipedia prima devono decifrare il testo per poter indovinare la risposta L'impaginazione in effetti andrebbe rivista sulla pagina delle schede di San Giorgio le schede mi si sovrappongono alla galleria ma su questo non ti posso aiutare non so nulla del modo in cui i browser capiscono i codici che si mettono.

Invece non sarebbe male che si potessero avere delle voci del genere anche in altri casi. Spero di fermarmi un po' in questo weekend. Ma, Cavolo! Devo confessare che ho lavorato poco e quel poco con scarsi risultati; Claterna non riesco proprio a scriverla, non ho la "cultura" necessaria. Mi accorgo che ci vuole proprio un archeologo. Ho lanciato qualche messaggio in bottiglia e spero che venga raccolta. Dopo potrebbe essere una voce decente. Solo decente. Invece stavo ammirando il San Giorgio in Lemine. Bello davvero, Sorbole!

Rome et la science moderne

Anche per le schede. Che grande lavoro! Devo confessare che il tipo di cornice di wiki non mi piace; preferisco le linee sottili. Poi ci dovrebbe essere un trucco per tenere staccati testi dai bordi. Ma non chiedermi quale sia il trucco; ci vuole qualche "tennico".

Fatti vivo ogni tanto. Ci credi che mi hai messo in crisi? Non lo capisco!!! Figuriamoci indovinarlo Niente da fare, per ora. Ciao Cruccone msg , 1 nov CET. La mia era una modifica a fin di bene e effettivamente necessitavo della spiegazione sulla bibliografia quindi ti ringrazio e credo che ci risentiremo visto che condividiamo la stessa passione per la storia medievale. Alla prossima. Andreabrugiony scrivimi , 2 nov CET. Ciao Giorces Bello il sentiero nella pagina del portale! Ho chiesto cmq all'amico Illy78 che credo sia abbastanza esperto di sintassi informatica.

Vediamo se lui sa come fare. In ultima analisi prova a chiedere un aiuto mettendo una discussione al Bar. Buona fortuna! Non riconosco nessuno dei luoghi in foto conosco meglio la val brembana , per questo le avevo tolte dalla galleria orobica sin dall'inizio. Lieto di aver potuto fornire qualche suggerimento. Purtroppo da qualche giorno mi cade la connessione dopo pochi secondi - qualche minuto. Oppore Firefox. Strano ma con IE sembra che la rete regga meglio. Continuo con i tentativi. Ottima pensata. Per quanto riguarda l'indovinello, cedo. Contiene vocaboli a me oscuri Ciao Giorces - Visto.

Oppure, parlagliene tu. Cacchio, c'ero quasi E quello nuovo? Ciao Giorces, toglierei il link al blog, visto che sono abbastanza deprecati. Per quanto riguarda le voci correlate, i viventi li toglierei, per evitare che qualcuno decida di inserirci chiunque ma non so come ci si regola di solito. Per il multiview, procedi pure! Ciao -- Cruccone msg , 6 nov CET. Ho aggiornato la mappa, pensavo di aggiornarla circa ogni mese sperando ne valga la pena. Ciao, credo che si tenga il 9 e il 10 dicembre.

I tuoi indovinelli mi fanno dubitare delle mie origini A presto. Saggezza bergamasca A presto, Ines - contattami , 13 nov CET. Come ho fatto a capitare sulla pagina con il problemino? In particolare avrei proprio bisogno di contributi da chi conosce bene il bergamasco. Ricambio i cordiali saluti, ninonino. Magari le cartine le posso fare io. Dimmi quello che ti serve che ci organizziamo. Devono "proprio" essere cartine? Nel babelfish ma adora anche la wikipedia Grazie degli auguri.

Ciao, me la spieghi questa?? Prego, ricevere un grazie fa sempre piacere. Cmq mi dispiace ma alla tua domanda il database del mio cervello non ha risposta. Ho visto che sei tra i principali contributori del Portale:Bergamo. Se mi dai il permesso lo faccio io. Grazie mille per il consiglio.

In effetti non ci avevo pensato Eventualmente ti avviso per avere una tua opinione. Ho apportato delle modifiche di carattere nelle varie sezioni. Ciao e buon lavoro. Skafa Sag mir , 21 nov CET. Son contento e grazie ancora! Ciao, scusa, posso chiederti se hai qualche notizia di Ines? Grazie, ciao. Grazie, se hai notizie fammi sapere. Visto che mi hai ingiustamente accusato di scrivere solo di battaglie -e ne ho descritte solo eccoti una chicca.

Stasera mi sono passato il tempo descrivendo "l'Ade secondo Silio Italico ". Vorrei vedere quanti si metterebbero a lavorare a una voce simile. Tanto che non so nemmeno come chiamarla. Per ora la trovi come al solito QUI. Se riesci ad arrivare in fondo, "tanto di cammello" come direbbero in Arabia. E poi servirebbero le solite figurine Ecco, l'ho messa in rete. Adesso ti puoi scatenare con le foto. E anche con i testi, eh! Sei bravo a scrivere. Grazie per la bibliografia. Ma 'ndo la trovi?

Ho il modem in via di defungimento e mi cade sempre la connessione. Se dai un'occhiata alla cronologia vedrai dei buchi riempiti dopo.

The Thinning

Ciao Giorces, lo faccio con piacere tra l'altro sono abituato a dar loro una mano con le traduzioni! Ciao -- Cruccone msg , 28 nov CET. Eliot parlando di Ezra Pound che gli aveva rimaneggiato The Waste Land e l'aveva fatta diventare un vero poema lo ha definito "Il miglior fabbro". Ciao Giorces, ti ho risposto da me. Valgono allo stesso modo. Complimenti, invece, per il tuo Monastero Matris Domini : gran bella voce, e gran gusto per le immagini, veramente tutte pregevoli! Ci stiamo divertendo, eh? Certe pagine, lo posso capire, danno davvero grandi soddisfazioni, quando le vedi tirate su bene Sembrerebbe quasi da vetrina Ciao -- Cruccone msg , 5 dic CET.

Sono contenta che andassero bene i link. Ne approfitto per complimentarmi con te per l'articolo che ho trovato molto interessante anche a me piacciono molto la storia e il medioevo. E per finire tanti auguri anche a te di buone feste. Poi la si potrebbe proporre per la vetrina. Inoltre, cercando con Google, entrambi gli articoli compaiono al primo posto.

Sono completi, wikificati, con una bella bibliografia; secondo me andrebbero bene in vetrina. Fammi sapere quando li proponi. Ciao -- Nihil , 15 dic CET. Devi mandare a OTRS dei dati che possano rendere possibile il controllo di quanto da te affermato e, preferibilmente, la scansione del documento in cui si cedono gli stessi. Fra l'altro sei sicuro di aver bisogno di una autorizzazione? Se la foto l'hai fatta tu sei tu l'autore e il museo, forse, non c'entra. Scusa la fretta nella spedizione dell'immagine via email.

Cosa ne pensi? Prova a guardarla con altro colore e magari meglio delineata nei confini. Dimmi tu. Infine grazie per gli auguri che rimbalzo a te e famiglia e a quanti altri vorrai far partecipi dell'augurazione. Cito dalla licenza d'uso. Efisio Piras , 20 dic CET. Anche a te e alla tua signora. Un sereno anno nuovo. A rileggerci. A risentirci presto! Devo tenere il diabete sotto controllo, io!

Anche per questo ho archiviato. Poi vedremo. Ciao, vedi questo e dimmi che ne pensi. Ciao e Buon Natale! Ho visto che ci stavi lavorando, ora guardo. Finalmente ho iniziato a leggerla, sono arrivata a Pace di Lodi inclusa. Intanto comincio a farti gli auguri di buon anno. Risposto sotto il tuo post. IV - Non so cosa stavi archittettando ma sono affaascinato da questa strada. DEVE essere lei! Adesso tocca a te! Ottimo lavoro. Beh, allora grazie.

Buon anno! Sei d'accordo? Per quando hai un po' di tempo, mi piacerebbe avere il tuo parere qui. Guarda Sentiero delle Orobie o qulunque altra voce in vetrina Problemi col sitenotice? Ho cercato di capirci qualcosa dalla discussione al bar, ma non c'ho capito un tubazzo La votazione per il mantenimento delle icone si sta tenendo qui. Credo che tu abbia votato nel posto sbagliato. Mi puoi dire cosa ne pensi? Remulazz , 4 gen CET.

Che resistenza! Scusa per il mio ritardo! Come sai la notte di capodanno l'ho passata al lavoro e poi sono partito subito per la Carinzia senza passare da wiki. Torno ora e riprendo i fili. Allora grazie per gli auguri che ricambio. Buon anno nuovo e Ecco io torno e tu vai Ci si sente verso fine gennaio se ho capito. Sto facendo sforzi per andare al raduno di Roma con mia moglie l' Pensi di farcela? Intanto buon relax e buon divertimento a antrambedue. Bel colpo! Buone vacanze. La votazione per le icone e' stata riproposta nella pagina ufficiale.

Devi riconfermare il tuo voto qui. Ciao -- J alo Now, image free! Ciao e bentornato nall'arengo. O forse Circo Massimo. Spero che il tempo e suoi accessori ti sia stato propizio. Immagino tu sia stato dalle parti di Cartagine. Hai per caso partecipato a qualche battaglia punica? Hai conosciuto Santippo? No eh! Sei un po' giovane Te le leggi con calma e magari ne parliamo, sempre con calma.

Tanti saluti alla tua mogliettina. E naturlamente, Vale! Di nulla e ricambio gli auguri. Risulta anche a me che le due flotte si impegnarono, ma senza ad arrivare a nessuna conclusione. Uno al giorno? Occhio a non strafare, che poi ci si stanca Carissimo, grazie per l'avvertimento.

Ciao Giorces, dunque: d'accordo con te, ho fissato la larghezza del box. In altre parole, non son sicuro che sarebbe meritevole di andare in vetrina. In ogni caso, un vaglio o una ripassata potrebbero metterla meglio. Ho visto che hai votato a favore dell'inserimento di Costantino XI Paleologo in vetrina. Vorrei il tuo parere su una questione, se hai tempo. Ciao, ho fatto un riassunto qui , spero di aver riportato correttamente la tua posizione o sin d'ora ti prego di scusarmi e correggere.

Ti chiedo di partecipare al lavoro per arricchire ulteriormente la pagina, visto che l'inizio sembra promettere bene. Federico di Svevia , 7 feb CET. Ho visto che hai aggiunto una considerevole bibliografia a Mosaico , ma ho un dubbio: siccome la voce l'ho scritta io e i libri che hai elencato non li ho usati per scriverla, non mi sembra un'operazione corretta.

Sarebbe bello trovare informazioni sulla storia del bergamasco. Nessun problema per la correzione che hai fatto su pute. Penso che tu controlli meglio l'italiano che io, anche il patois veneto. I miei attrezzi sono Yahoo traduzione e Garzanti! Eppur, sono fanatico del cinema italiano del neorealismo e dello empegno, come del Rinascimento italiano! Cosa pensati dei stemme colleonesci che ho aggiunto? Ciao -- Nihil , 7 feb CET. Mikils , 17 feb CET. Ciao Giorces, grazie delle tue parole. Ciao Cruccone msg , 18 feb CET. Sempre lavoro. Ti scrivo per quello e che altro? Poi sei scomparso, immagino inseguendo qualche foto bergamasca UNA bella bergamasca non ce la propini?

Ti chiedevo di valutare la proposta e di commentarla. Grazie in anticipo. Federico di Svevia , 27 feb CET. Per ora ho inserito solo foto che avevo sul mio PC scattate nei mesi scorsi , ma da sabato pomeriggio, sperando nel bel tempo e in una visuale nitida, dovrei riuscire a fare un primo tour della media valle Seriana, e fare foto di paesi e montagne della zona in cui abito in primis Albino. Ciao e grazie Ago Sei fuggito alle Hawaii?

Temo ti sia concentrato sulle zone cenomaniche ho scoperto che i Cenomani erano dei grandi mascalzoni in guerra. Quindi per "farti perdonare" vedi di trovare qualcosa di iconico e intelligente io, al solito non ci riesco per Questa. Doveva essere la descrizione della foresta e invece Fatti vivo! Ciao non ho capito bene a che sigillo ti riferisci.

Micrometro (strumento) - Wikipedia

Mi potresti dare il wikilink? Si tratta forse di un logo? Anche fossero tratti da sigilli storici a tutti effetti sono stati stilizzati e utilizzati come loghi e serve un riferimento alla registrazione per conservarli. Se non sono registrati vanno tolti. Una ricerca con la chiave studium mi da 37 marchi registrati nel registro italiano.

Linkiamo la categoria dal portale? Cruccone msg , 5 mar CET. Ho inserito la voce inerente la Malga Lunga, rifugio montano e museo della resistenza in terra orobica. Ciao Ago Da quello che vedo, le voci ritenute veramente buone passano praticamente senza voti contrari o quasi. Ylebru dimmela , 7 mar CET P. Ciao Giorces, complimenti per la galleria. Ho spostato un paio di foto, per il resto mi sembra vada bene.

Cruccone msg , 11 mar CET. Quindi mi scuso con te, come mio dovere, per la mia "appropriazione indebita", e ripeto che ho la certezza della tua buona fede per il tuo cambiamento di licenza: del resto se tu non fossi in buona fede non lavoreresti, gratis ed anonimamente, per Wikipedia. Quanto al Colleoni non ti stavo contestando nulla, stavo solo chiedendoti una mano nella catalogazione. Occorre quindi "aiutare" la ricerca categorizzando le foto. Ieri mi sono sciroppato tutta la cappella Colleoni e le tue foto, categorizzandole per personaggio, artista, genere di opera d'arte eccetera.

Fino ad oggi c'era solo quello che ci avevano messo gli stranieri. Per questo mi ci sono messo un poco io. Se posso contare su una mano da parte tua, visto che ne mastichi, servirebbero molto immagini di personaggi storici italiani. I can read italian and guess some words but I really need garzantilinguistica. I'm still arranging the Visconti stemma and Sforza stemma articles on fr:WP. Well, now you know my favorite subjects on WP. And I won't forget Otto e mezzo , my prefered movie If you want to propose some stemme to draw, of course I'm ready.

Ciao, grazie per il tuo parere positivo all'entrata in vetrina della voce guerra dei cent'anni! A presto, Davide21 casella postale. A presto, -- Davide21 casella postale , 13 mar CET. Nella bibliografia della voce hai inserito Matthew E. Bunson come autore di Storia universale del Medioevo ed indicato L. Gatto come traduttore. Non dubiterei di un semplice caso di omonimia, ma a me risulta che Bunsen abbia scritto il Dizionario universale del Medioevo , mentre l'opera in questione dovrebbe essere di Gatto.

Grazie comunque per l'aiuto fornito alla voce. Federico di Svevia , 13 mar CET. Ho ampliato la storia della valle Seriana, nella quale ho inserito numerose citazioni: ti chiedo troppo di riportarle in "wikiquote" per rendere migliore il lavoro fatto? Lo farei io, ma non sono molto pratico in materia A breve mi riprometto di apprendere anche questo!! Grazie Ago Per le categorie devi solo scrivere in fondo alla pagina, alla fine di ogni cosa, che so, se si tratta di una foto di Bergamo: [[Category:Bergamo]]. Il resto lo fa il software. E' molto importante categorizzare i personaggi, specie se minori e minimi meglio se col loro nome, ma almeno sbattendoli dentro la [[Category:People of Italy]] , per permettere di ritrovarli, poi.

Che senso ha inserire materiale se poi non si riesce a trovarlo? Da qui la mia richiesta di almeno iniziare la categorizzazione, poi per le rifiniture ci penseranno gli altri. Ma tutto qui. Non mi convince invece la proposta che fai nella tua sandbox rispetto alla cappella Colleoni. Ma mettere troppe imagini senza avvisare rischia di intralciare chi sta, magari solo per il momento, cercando solo informazioni testuali sulla cappella. Usa questa soluzione con moderazione, insomma. Per un esempio cfr. Spero di aver risposto. Grazie e buon lavoro. E, ti prego, categorizza le tue immagini!!!!

Specie per un utente che non sia madrelingua italiana, o non molto ferrato in storia. Ti chiederei anche di mettere per prima la descrizione del soggetto e solo dopo la firma: questo per rendere piu' agevole la consultazione. In questo periodo mi sto dedicando alle foto.. Fotografia di [[:it:Utente:Giorces Giorces]]. Nel dubbio, copia e incolla quanto sopra, e guarda cosa succede una volta caricato su Commons. Noto che hai risposto solo al mio secondo post, ma ce n'era un altro, prima, che rispondeva ai tuoi quesiti.

Non farti ricattare dagli informatici. Ripetitelo venti volte quando ti vengono di queste crisi. Gli informatici sono puramente ancillari, ed oltre tutto disastrosi progettatori di interfacce utente. E tanto basti: Ipse ego dixi. Se mi chiarisci, vedo di rispondere alla tua domanda. Cmq un giro al castello vale la pena di farlo cmq. Qui trovi le mie foto dei musei del Castello , ma ho ancora da fare TUTTO il museo di arti applicate, e moltissimi reperti degli altri ho una vita sola Quindi se dai un contributo anche tu, susciterai la mia gioia e gratitudine sfrenata La galleria da te creata su S.